Come scrive il cervello

fonte: http://visionhelp.files.wordpress.com /2010/11/fusiform-gyrus-photo1.png

Perché facciamo gli errori di scrittura? Perché li riconosciamo solo a distanza di tempo dal momento in cui scriviamo un testo? Queste le domande iniziali da cui è nato questo articolo. Un viaggio nel mondo della scrittura è un viaggio attraverso la mente dell’uomo per poter riconoscere il ruolo della scrittura rispetto alla necessità e capacità di comunicare. La possibilità di prendere un appunto su un foglio cartaceo o elettronico ha allargato incredibilmente la memoria umana, poter scrivere una lettera, così come fare una telefonata, ha ampliato la possibilità di comunicazione.

Lo studio dell’apprendimento della scrittura è intimamente legato a quello della lettura. Lo studio delle aree cerebrali coinvolte nel processo di scrittura ha avuto un grande impulso grazie allo sviluppo delle tecniche di risonanza magnetica funzionale(fMRI)  e PET(Positron Emission Tomography) e si sta spingendo nell’approfondire il meccanismo della scrittura in corsivo, scrittura narrativa, del disegno, dei numeri.

I dati ricavati dallo studio dei deficit di scrittura e lettura hanno permesso di chiarire i rapporti funzionali e anatomici fra meccanismi legati al riconoscimento visivo di oggetti e quelli specifici per la lettura, e disegnare un’architettura funzionale dettagliata sottostante i processi di elaborazione del linguaggio scritto e dei suoi rapporti con quelli specifici per il linguaggio parlato.

L’articolo contiene anche alcuni focus su disturbi come la disgrafia e agrafia, il crampo dello scrivano e particolarità dello scrivere come il mancinismo e il codice Braille.

Author: Rossella Ferrari

Nata a Mantova, vive e lavora a Milano. Laureata in Scienze Biologiche, ha maturato diverse esperienze professionali nel settore farmaceutico, in particolare, nel marketing di industrie multinazionali. Nel 2003 ha conseguito il master in Comunicazione Scientifica presso la Facoltà di Farmacia dell’Università degli Studi di Milano e, da allora, si occupa di comunicazione medico-scientifica presso agenzie specializzate, in qualità di medical writer.

Share This Post On

Submit a Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: