Cervello: immaginario e sogno

Neuroscienze.net

CERVELLO e MEMORIA IL cervello è la struttura biologica generatrice del ragionamento, della coscienza, dell´intelligenza e della memoria e pertanto è necessario che ogni persona che si occupi di apprendimento in ogni sua forma possa conoscere l´ avanzamento delle scienze neurologiche per aggiornare la propria riflessione sulle modalità del conoscere . Sulla base del Progetto EUROPEO MINERVA denominato LEARNING FOLDER : il LRE/EGO-CreaNET della Università di Firenze , ha iniziato la suddetta riflessione mediante una serie di semplici schede leggibili a livello della formazione di base. : http://www.narnia.it/lefo/cervello.htm Viviamo in una epoca in cui il “TANGIBILE tende a diminuire di valore, mentre l’ INTANGIBILE” cresce come valore aggiunto sociale ed economico. Con l’ avvento di “Internet” la “dimensione dell’Intangibile” ha acquisito in valore in seguito alla immediatezza ed al basso costo della comunicazione interattiva. Certamente questa nuova dimensione facilita la esigenza di un profondo cambiamento cognitivo, proprio in quanto in un mondo virtuale tutto ciò che accade è continuamente interconnesso dalla rete Internet . La trasformazione dei modelli di realtà nel loro divenire “virtuali” consiste nel fatto che vengono evocati come nel sogno dal alcune parole chiave, per mezzo di un motore di ricerca, ed evidenziati dal computer in uno spazio immaginario, in cui persone ed oggetti non possono essere toccati, ma comunque interagiscono con la nostra mente come elementi ovunque presenti a portata di un click. Proprio in quanto riferito ad una dimensione “intangibile” il termine "Virtuale" ha acquisito inizialmente il significato di "fittizio", in quanto si contrappone alla antiquata concezione di “reale in quanto tangibile” . In vero la concezione di “Virtuale è mutuata da Virtù’” perché effettivamente permette di acquisire coscienza di quanto non è visibile “ ad occhio nudo”; ciò e importante perché il credere di percepire oggettivamente la realtà è falso proprio in quanto di fatto siamo capaci di vedere e toccare solo una parte grossolana della realtà. Se infatti riuscissimo percepire la energia che circonda ogni cosa, non riusciremo più a distinguere le cose materiali come oggetti separati tra di loro; ma non per questo la Energia non esiste. Ciò e ben noto scientificamente, ma e proprio la comunicazione via Internet quella che contemporaneamente ci propone un cambiamento cognitivo delle “relazioni tra REALE e VIRTUALE” Tale cambiamento concettuale pertanto non e solo tecnologico ma essenzialmente culturale . Infatti dato che è importante essere coscienti del fatto che noi osserviamo solo una porzione della realtà, quando si parla di “virtuale” dobbiamo evitare di ricorrere all’ idea che si tratti di qualche cosa di immaginario, fantastico, a volte ingannevole; ma di una realtà più profonda ed culturalmente innovativa, che dobbiamo imparare ad apprendere, superando la antiquata mentalità basata su una cultura della società industriale che ha dato maggior valore economico e sociale al mercato degli oggetti anziché al pensiero creativo. Lo stesso sviluppo della scienza contemporanea, dimostra che il pensiero creativo si fonda più sul immaginario scientifico che non sulla osservazione di oggetti visibili tangibili e sensorialmente recepibili dal loro odore o gusto. Ricordiamo infatti anche che in varie occasioni famosi scienziati hanno evocato il loro immaginario creativo proprio dai sogni . E facile pertanto comprendere che grandi cambiamenti di pensiero sono avvenuti nella storia dell’ uomo quanto sono emerse interpretazioni in contrasto con la visione scientifica e culturale della precedente epoca. Allo sviluppo dell’ immaginario scientifico ha contribuito il sognare ed il fantasticare più della osservazione limitata alla percezione della realtà , e pertanto grandi contributi alla concezione di quanto è “Intangibile” ed al contempo “Reale” sono stati recepiti sia nel sogno che nel fantasticare ad occhi aperti perseguendo un proprio immaginario interiore. In antichità l’ interpretazione dei sogni fu considerata la via principale per affrontare la preveggenza VITUOSA della mente (dal latino “virtualis che viene da virtus = forza, potenza” ) IL VITUALE non era infatti una una categoria che si opponeva al reale e pertanto nella antiche culture il sogno ebbe ed ha ancor oggi un valore profetico. Oggi dobbiamo ammettere che nel quadro delle conoscenze affermatesi nell’ epoca industriale si stenta ancora a credere nella interpretazione dei sogni, ciò perché si associa il sogno ad una forma mentale inconsapevole, mentre purtroppo contraddittoriamente si tende a ritenere oggettivo quello che ci viene propinato dalle immagini televisive facilmente manipolabili. Sigmund Freud, per primo, nel 1899 con "L’interpretazione dei sogni", restituì al sogno il grande potere che riveste per la vita psichica dell´uomo, ponendosi il problema di scandagliare gli elementi più remoti, reconditi ed ancestrali della psiche; i suoi studi sul contenuto latente, relativi al processo di rimozione e di auto-censura hanno aperto innovative prospettive a tendenze nella comprensione delle relazioni tra Cervello e sviluppo della Mente Di seguito Carl Gustav Jung, suggerì che i sogni potevano essere letti col metodo prospettico, con uno sguardo sul futuro, ciò consentì a Jung di osservare nel vissuto onirico, le linee di sviluppo della crescita psicologica, a partire dalla potenzialità che nel sogno si manifestino "cose non ancora realizzate". Oggigiorno, nell’ epoca di transizione socio-economica tra il valore TANGIBILE delle COSE ed il Valore INTANGIBILE dei prodotti della MENTE, è necessario tradurre l’ inconscio in attività coscienti capaci di avvalorare la produzione di innovazione e di tutto quanto è un prodotto intangibile della mente umana, iniziando a rifletter sul fatto che almeno un terzo della nostra vita reale la passiamo dormendo e che anche dal sogno possiamo reperire le strategie per modificare e cambiare le nostre consuete forme di pensiero ormai storicamente obsolete ciò al fine di evitare problemi psicologici nella vita concreta di tutti i giorni.. . Cosi come dopo un poco di stupore anche un bambino capisce che nello specchio la immagine virtuale è quella riflessa, ma che ciò non significa che non sia vera solo perché direttamente impalpabile e di conseguenza si rende conto che l´ illusione percettiva sta nel credere che la immagine sia situata apparentemente dentro lo specchio, così pure oggi dovremo re-interpretare il valore della capacità mentale dell’ uomo e riconoscere la Virtualità innata nel proprio cervello, che in sostanza consiste nel insorgere una fertile immaginazione cosciente , tale che permetta di riconoscere le illusioni e le verità di tutto ciò che va oltre alla semplice percezione delle cose NOTA: Sintetizzata da :: http://www.olobreathwork.org/le_onde_cerebrali.htm -Le onde cerebrali durante il Sonno. Le diverse attività cerebrali si dividono in quattro fasce di frequenza, misurabili con apparecchi elettronici e calcolati in ‘cicli al secondò, o Hertz (Hz). che corrispondono a quattro diversi stati di coscienza. • Onde beta: frequenza che varia da 14 a 30 Hz Appaiono normalmente nello stato di veglia, quando si utilizza l’emisfero sinistro: permettono di agire e reagire, di controllare la situazione e risolvere velocemente i problemi. Sono alla base delle fondamentali attività di sopravvivenza, di ordinamento, di selezione e valutazione degli stimoli provenienti dal mondo esterno sulla base delle conoscenze acquisite. • Onde alfa: frequenza da 8 a 14 Hz. Sono connesse allo stato di rilassamento, di meditazione e di introspezione: si può raggiungere questo stato anche ad occhi aperti, quando si è particolarmente sereni , concentrati su di sé e sullo sviluppo delle proprie idee. • Onde theta: frequenza da 4 a 8 Hz. Associate alla creatività, vengono prodotte in stato di meditazione profonda e durante il sogno (fase Rem e sogno ad occhi aperti), quando usiamo l’immaginazione e la visualizzazione. Indicano anche una grande capacità intuitiva. • Onde delta: frequenza da 0,5 a 4 Hz. Associate a uno stato profondo di rilassamento psicofisico, sono proprie della mente in uno stato inconscio che può provocare auto-generazione cognitiva ed anche di auto-guarigione.

 

Bibliografia

IMMAGINARIO E PERCEZIONE VISIVA
http://www.edscuola.com/archivio/lre/immaginario.html
SONNO e SOGNI : http://www.marcostefanelli.com/subliminale/sonno.htm
Sigmund Freud-
http://www.dreamsonweb.net/it/dreamsjournal/200101/ il_sogno_in_sigmund_freud_14.html
Creatività onirica: http://www.mondadoriuniversita.it/azimut/ cesab_antonietti_creativita/link_1.pdf
Nel segreto del sogno : http://www.memobase.it/Newton1_son.asp
GIF Tratto  da DREAMS: http://www.dreamsonweb.net/it/dreamsjournal/200106/ leggere_i_simboli_del_sogno_33.html

Scarica il PDF 

Share

Paolo Manzelli

Presidente Egocreanet (ONG-FIRENZE)

Lascia un commento