Come Dio Comanda | Proiezione accessibile

Come Dio Comanda | Proiezione accessibile


COME RENDERE ACCESSIBILE UNA PRODUZIONE CINEMATOGRAFICA

Cosa significa resa accessibile
Rendere un film o un altro contenuto audiovisivo accessibile significa assicurare che l’opera possa essere fruita anche da tutto quel pubblico che ha una qualche forma di disabilità uditiva o visiva. In termini pratici, dovranno essere realizzati i sottotitoli per i sordi e l’audio descrizione per i ciechi o ipovedenti. I sottotitoli per i sordi sono di fatto una trascrizione dei dialoghi con l’aggiunta di informazioni relative ai suoni, ai rumori e all’identificazione dei personaggi che stanno parlando. L’audiodescrizione per non vedenti consiste in un audio commento, nelle pause di dialogo, che descrive i personaggi e le immagini, traducendo in parole la parte visiva.

I contenuti accessibili, in linea con ciò che avviene già in molti paesi stranieri, dovrebbero essere realizzati per ogni film, e resi disponibili per la proiezioni al cinema, oltre che per le fasi successive della distribuzione (dvd, blu ray, vod, tv).  I sottotitoli possono essere impressi sull’immagine in modo opzionale, l’audio descrizione può essere scaricata attraverso applicazioni “second screen” per smartphone o tablet, o essere inclusa nei diversi supporti per la distribuzione.

Che cosa deve fare il produttore/regista?
Garantire che vengano realizzati i contenuti accessibili, rendendo disponibili in tempi utili i materiali (video, sceneggiatura, dialoghi)  a chi si occupa della loro realizzazione. L’Associazione Torino + Cultura Accessibile onlus opera in partnership con Sub-ti Access, un’azienda torinese specializzata, attiva a livello internazionale.

Come rendere possibile la distribuzione di un film accessibile
E’ necessario produrre sottotitoli e audio descrizione in formato adeguato all’inserimento su DCP o altri formati per la distribuzione.  Potranno essere realizzati supporti specifici, anche se l’obiettivo è che tutti i supporti video siano accessibili, consentendo l’attivazione dei contenuti aggiuntivi in maniera opzionale. In questo modo ogni cinema potrà decidere in autonomia, a seconda della durata in programmazione, di prevedere ad esempio una proiezione accessibile giornaliera del film.
Sottotitoli e audio descrizione potranno essere poi adattati per l’utilizzo nelle diverse fasi della distribuzione

Associazione Torino + Cultura Accessibile OnlusVia della Rocca 24 bis – 10123 Torino – CF 97815120015
Direzione e Sviluppo Progetto – Daniela Trunfio mob. 339.6116688 daniela.trunfio@fastwebnet.it
Valentina Borsella
tel. 011.8171483 torino.culturaccessibile@gmail.com

 

Quali sono i destinatari del prodotto finale

  • Persone con disabilità sensoriali e mentali di livelli differenti (es. dai non vedenti agli ipovedenti)
  • Cittadini anziani per i quali insorgono disabilità sensoriali in qualche modo invalidanti
  • Persone comprese nello spettro autistico (Autismo e Sindrome di Asperger)
  • Persone con disabilità mentali che necessitano del linguaggio facilitato
  • Esiste inoltre l’opportunità di allargare il processo di inclusione al vasto pubblico straniero, a persone con basso livello di scolarizzazione e alle fasce deboli per le quali una fruizione facilitata aumenta la capacità di comprensione e di conoscenza della lingua.
  • Vedere un film audio descritto in una lingua che si desidera imparare consente infatti di essere esposti a input linguistico che può essere associato a un referente concreto e visibile sullo schermo e quindi di ricordarlo con più agio – situazione vantaggiosa sia per apprendenti di lingue straniere, sia per immigrati che desiderano velocizzare il proprio processo di acquisizione della lingua del paese in cui si trovano a vivere. Infine, ascoltare un film audio descritto consentirebbe di usufruire regolarmente di materiale audiovisivo anche a chi svolge attività che non gli consentono di fermarsi a guardare un film o la televisione.

 

Alcuni dati sui potenziali utilizzatori finali

(rilevazioni ISTAT, Ministero all’Istruzione, Ministero della Salute)

Disabilità sensoriale
Persone sorde oraliste e non 42.000 – ipoudenti 1.000.000
Persone non vedenti 362.000 cui si aggiungono gli ipovedenti oltre 1.500.000;
Persone affette da Autismo: 500 mila
Persone con disabilità mentale (dati non disponibili)

Dati demografici
La popolazione italiana sta rapidamente invecchiando
Al 1° gennaio 2016 la popolazione in Italia è di 60 milioni. Gli stranieri sono 5 milioni 54 mila La popolazione di cittadinanza italiana scende a 55,6 milioni.
La persistenza del tasso di fecondità ben al di sotto della soglia naturale di sostituzione (2,1 figli per donna) e il raggiungimento di traguardi un tempo insperati della speranza di vita per le donne e per gli uomini, fanno dell’Italia uno dei Paesi con il più alto indice di vecchiaia al mondo.
La struttura e la dinamica della domanda e dell’offerta di cultura è strettamente legata alle caratteristiche socio-demografiche delle persone. E le persone anziane rappresentano un interessante e specifico gruppo di fruitori e di produttori del poliedrico universo della cultura, con preferenze, gusti, comportamenti di consumo culturale caratterizzanti rispetto ad altre fasce di età.

  

Alcuni dati di incremento del consumo culturale tra 2005/2015
Persone di 65-74 che hanno visitato musei o mostre almeno una volta nell’ultimo anno +49,7 %
Persone di 65-74 anni che sono andate al cinema negli ultimi 12 mesi +40,0 %
Persone di 65-74 anni che sono andate al teatro negli ultimi 12 mesi +37,1 %
Persone di 65-74 anni che usano il PC +343,6 %
Persone di 65-74 anni che usano internet +556,4 %

 

Le iscrizioni degli alunni stranieri nelle scuole
passano da 196.414 unità (nell’a.s. 2001/02 – 2,2% della popolazione complessiva) alle 814.187 (dell’a.s. 2014/15, – 9,2% del totale)

Nelle prove nazionali Invalsi gli esiti degli studenti immigrati sono significativamente inferiori rispetto a quelli dei loro compagni con cittadinanza italiana, soprattutto nella prova di Italiano.

Abbandono scolastico: l’Italia ha il primato negativo in Europa (con il 35% di abbandoni fra i giovani stranieri)

 

 


Associazione Torino + Cultura Accessibile OnlusVia della Rocca 24 bis – 10123 Torino – CF 97815120015
Direzione e Sviluppo Progetto – Daniela Trunfio mob. 339.6116688 daniela.trunfio@fastwebnet.it
Valentina Borsella
tel. 011.8171483 torino.culturaccessibile@gmail.com

Share

Admin

Direttore Editoriale di Neuroscienze.net

Lascia un commento