Grafopatologia delle Dipendenze Chimiche e Psichiche

Grafopatologia delle Dipendenze Chimiche e Psichiche

Abstract

La dipendenza chimica e psichica coinvolge numerose persone e può essere un problema anche per il perito grafologo giudiziario, considerando che la scrittura può variare in rapporto all’assunzione di droghe. In questo articolo introduttivo viene affrontato in parte la riflessione teorica sul numero di droghe più abusate e la possibile correlazione grafologica. E’ razionale comunque una ulteriore indagine che mette ancora meglio in evidenza ( avendo più casistica a disposizione) le diverse fasi del percorso patologico della dipendenza in relazione alla grafia del soggetto in esame. C’è la necessità di analizzare la scrittura prima di essere drogato, durante l’assunzione della sostanza, in fase di sindrome di astinenza, durante il periodo di disintossicazione, e a distanza di tempo, quando il soggetto dipendente diventa un “ex dipendente”. E’ un lavoro difficile ma uno dei compiti del perito grafologo medico è lo studio e la ricerca su come la scrittura possa variare o meno con diversi condizionamenti sia di tipo chimico che di tipo psichico e fare chiarezza nella
consulenza tecnica e sul quesito posto dal giudice per evitare incertezze, dubbi, perplessità e contraddizioni oltre che contrapposizioni tra periti e consulenti tecnici.

 

Share

angelo vigliotti

Lascia un commento