Musicoterpia e Stroke

Musicoterpia e Stroke

“Il Libro di Léonard” 

(elaboratore elettronico portatile, in particolare rivolto a soggetti con disabilità neurosensoriale e neuropsicologica e  la riabilitazione neurolinguistica nello Stroke)

 

 

  • Premessa

“Il Libro di Léonard” nasce dall’esigenza di poter disporre di uno strumento interattivo in grado di fornire un’ampia gamma di situazioni-stimoli,suoni-rumori di alta qualità che permetta di capire come i soggetti con deficit neurosensoriali processano gli stimoli sonori come li elaborano e che uso ne fanno nella realtà quotidiana con l’obiettivo di potenziare i processi di apprendimento e la relazione con il mondo esterno.

Da quando è possibile avere riscontri scientifici dell’efficacia della musicoterapia (attraverso l’utilizzo delle tecniche di neroimmagini) i vari centri di ricerca internazionali hanno dedicato molta attenzione alla ricerca nel settore della riabilitazione dello stroke attraverso l’uso del canale sonoro-musicale.

Citiamo i seguenti tra i più importanti:

  • Music motor control and the brain (Klaus V Toyka,Hans-Joachim Freund, 2011)
  • B) Music,Movement and Pulse in Language Learning

(Dr.Katie Overy IMHSD ,University of Edinburgh, 2012)

 

C) Music Performance (drum and piano training) for rehabilitation of stroke patients. (Pr.Eckart Altenmuller IMMM Hannover,Germany, 2012)

 

Il progetto

Il progetto si pone l’obiettivo generale di verificare come il paziente con esito di stroke utilizza il canale sonoro- musicale come tramite residuo e privilegiato nella riabilitazione neurolinguistica.

  1. fase operativa volta alla somministrazione degli items previsti
  2. fase valutativa volta alla raccolta dati e alla pianificazione degli steps riabilitativi successivi

 

Candidati alla somministrazione

Criteri di inclusione/Criteri di esclusione

Il progetto si rivolge a 5 pz esito di stroke  vascolare individuati in entrambi i servizi di medicina riabilitativa.

Tutti i pazienti sono stati valutatati con Aachener Aphasie Test e presentano un deficit lieve a livello cognitivo con buona comprensione contestuale, ma un’afasia espressiva importante.

Setting

E’ necessario avere un ambiente il più possibile insonorizzato e la somministrazione va effettuata senza interruzioni.

Figure professionali, organizzazione, frequenza

L’attività coinvolge la musicoterapeuta, la logopedista e un tirocinante.

Il programma può essere intensivo ( 4/5 volte/sett) o estensivo (1/2 volte/sett)

La durata degli incontri è prevista in entrambi i casi in 20 incontri complessivi

Ogni incontro dura 45 minuti al termine del quale viene redatta la scheda di valutazione e raccolta dati della seduta.

 

Collaborazione con altri Enti

  • Centro Comunale di Musicoterapia “Massimo Uboldi” Novellara (Re),
  • Ospedale Ramazzini di Carpi (Mo),
  • Ospedale Santa Maria Bianca di Mirandola (Mo)

 

Comitato tecnico-scientifico :

Dott.ssa Monica Maccaferri,(Musicoterapeuta , Direttore del Centro Comunale di Musicoterapia “M.Uboldi” di Novellara

Dott. Mario Baratti (neurologo Ospedale di Carpi)

Dott. Luciano Mazzoleni (fisiatra Direttore U.O. di Medicina Riabilitativa di Carpi e Mirandola)

Dott. Massimo Albuzza (fisiatra Ospedale di Carpi )

Dott.ssa Oriana Bosi , fisiatra (Ospedale di Mirandola)

Dott.ssa Sara Roncadi (logopedista Ospedale di Mirandola)

 

Tempi e modalità di svolgimento

La durata dell’intervento è prevista in circa 6 mesi di attività(maggio-ottobre 2013)

 

Costi

Non sono previsti rimborsi per la sperimentazione in oggetto.

La termine della sperimentazione è prevista la pubblicazione dei dati raccolti secondo le modalità da concordare con il comitato tecnico scientifico

 

Novellara 02/05/2013

Dott.ssa Monica Maccaferri

 

[box type=”info”] Foto: http://www.neurology.org/ content/55/12/1883/F3.large.jpg[/box]

 

 

Share

Monica Maccaferri

Dirige il centro di musicoterapia “Il Cervello Sinfonico” a Novellara (RE), convenzionato con l’AUSL per neuropsichiatria infantile e psichiatria degli adulti. Insegna musicoterapia e linguaggio all’università di Parma.

Lascia un commento