Terapia Craniosacrale Biodinamica

fonte: http://www.100salute.it/ uploads/skullateralCROP.jpg

Effetti Intenzionali a breve termine della Terapia Craniosacrale Biodinamica sui Valori di VO2max e Frequenza Cardiaca di Recupero in Soggetti non in Beta Bloccanti: uno Studio Pilota

 

Massimo Armeni, Fabio Fabiani, Rosario D’Onofrio

 

fonte: http://www.100salute.it/ uploads/skullateralCROP.jpg

 

Obiettivo: esaminare gli effetti a breve termine di un ciclo di trattamenti craniosacrali biodinamici sulla emodinamica/ventilazione dell’esercizio durante l’esecuzione del Rockport Fitness Walking Test (RFWT) in soggetti rientranti nei criteri di inclusione.

 

Metodi: questo studio consisteva in una analisi di soggetti inclusi (N = 9), 4 femmine e 5 maschi, trattati craniosacralmente in un ciclo composto da 3 trattamenti e successivamente sottoposti ad un RFWT per evidenziare eventuali cambiamenti post-trattamento. Il gruppo di controllo (N = 6) di cui 3 maschi e 3 femmine, trattati a placebo. Ai soggetti furono prese le misurazioni prima del trattamento a riposo e durante l’esecuzione del RFWT. Le analisi statistiche sono state effettuate con software Excel 2003 e software XLSTAT 2008. Si è scelto di fissare la significatività statistica a P ≤ 0.05 per i tests dopo trattamento e sotto sforzo. Per incrementare la potenza dell’analisi, la significatività statistica nulla è stata fissata a P ≥ 0.1.

Risultati: è stato evidenziato un cambiamento statisticamente significativo nel parametro del VO2max (P = 0.04); il parametro di HRRec è risultato pressoché invariato.

Conclusioni: il trattamento craniosacrale biodinamico sembra influenzare in maniera diretta esclusivamente il parametro della VO2max (P = 0.952). Per quanto riguarda altri indici, non è stata dimostrata nessuna variazione significativa (P ≥ 0.1). Altri studi si rendono necessari per evidenziare la relazione tra la Terapia Craniosacrale Biodinamica ed eventuali influenze che questa ha sul sistema cardiopolmonare durante un RFWT submassimale.

 

Share

Admin

Direttore Editoriale di Neuroscienze.net

Lascia un commento