Neurofisiologia dell’occhio umano

Abstract

Scarica il PDF Nell’uomo sono presenti due occhi, ciascuno dei quali è contenuto in una cavità ossea del cranio detta orbita ed è in rapporto con strutture che lo proteggono (annessi oculari) e ne permettono i movimenti. Nell’occhio, a partire da stimolazioni luminose esterne, si formano «immagini» che, trasmesse dal nervo ottico e dalle vie ottiche, sono elaborate fino al livello della percezione in aree specifiche della corteccia cerebrale.

 

Bibliografia

 

  • Andriola M., L’Istinto costruttivo: come l’Uomo ha modificato la Natura e se stesso, Pontecorboli, Firenze, 2008.
  • Graham C. H., Vision and Visual Perception, New York, 1965.
  • Hubel, D.H., Occhio, cervello, visione, Zanichelli, Bologna 1989.
  • Le Grand Y., Les yeux et la vision, Parigi, 1960.
  • Moncada A., 2007. L’occhio e la visione, Enciclopedia Multimediale Utet, Torino.
  • Pirenne M. H., Vision and the Eye, Londra, 1948.
  • Pouliquen Y., Atlas d’histologie et d’ultrastructure du globe oculaire, Parigi, 1969.
  • Renard G., C. Lemasson, M. Saraux, Anatomie de l’œil et de ses annexes, Parigi, 1965.
  • Ronchi V., L’ottica, scienza della visione, Bologna, 1955.
  • Saraux, H., Lenasson, C., Offret, H., Manuale di anatomia e istologia dell’occhio, Masson, Milano 1984.
  • Vinciguerra M.T., 2007. L’occhio, Enciclopedia Multimediale Utet, Torino.

 

foto: http://leotardi.no-ip.com/html/occhio/occhioimages/occhio.jpg
Iscriviti allaNewsletter

Iscriviti allaNewsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le nostre novità direttamente nella tua casella di posta elettronica.

Ah... gratis!

Fantastico! Ti sei appena iscritto

Pin It on Pinterest

Share This