Gli Endocannabinoidi

Gli Endocannabinoidi

Le azioni degli endocannabinoidi a livello centrale e periferico

fonte: http://www.liquidarea.com/ wp-content/uploads/2011/05 /angiogenesi.jpg

ABSTRACT

Gli endocannabinoidi sono presenti sia nel sistema nervoso centrale che nel fegato, e sono coinvolti nel controllo di varie funzioni epatiche e metaboliche. Essi infatti hanno un ruolo nelle alterazioni emodinamiche, nel controllo della fibrosi, nella progressione di NAFLD e NASH; sono poi regolatori dell’insulino-resistenza, della leptino-resistenza e dei quadri di dislipidemie e sindrome metabolica. Antagonisti di CB1 regolano la fame, il peso e riducono il danno epatico favorendo la riparazione tissutale. Agonisti di CB2 determinano meno risposta al danno e riduzione della fibrosi nella cirrosi.

 

INTRODUZIONE

Recentemente lo studio degli endocannabinoidi ha potuto metterli in correlazione con patologie epatiche tipiche dei maggiori dismetabolismi.

La loro azione da un punto di vista metabolico avviene in gran parte a livello periferico. L’attivazione di CB1 è correlata con la progressione della fibrosi epatica tipica del danno cronico del fegato, e contribuisce all’ipertensione portale e alla cardiomiopatia cirrotica. CB2 sembra essere associato ad effetti antifibrogenici, e alla regolazione della flogosi nella NAFLD, soprattutto nella regolazione del danno ischemia-riperfusione.

Essi inoltre agiscono sul sistema nervoso centrale avendo come bersaglio i sistemi regolatori dei metabolismi.

L’obiettivo è quello di ottenere da queste logiche fisiopatologiche elementi tali da permettere l’introduzione in terapia di nuovi agenti per il trattamento di epatopatie croniche.

 

GLI ENDOCANNABINOIDI

Gli endocannabinoidi sono lipidi bioattivi capaci di legare i recettori cannabinoidi.

In ordine di scoperta essi sono:

–         arachidonoil etanolamide, anandamide – AEA – scoperto nel 1992

–         2-arachidonoilglicerolo – 2AG – scoperto nel 1995

–         2-arachidonil-gliceril-etere – 2-AGE – analogo strutturale del 2AG

–         oleil-etanolamina – OEA

–         virodamina

–         N-arachidonoildopamina – NADA

–         palmitoil-etanolamina – PEA

Gli endocannabinoidi non vengono immagazzinati in vescicole, ma vengono sintetizzati ‘on demand’ a partire da precursori fosfolipidici di membrana. La biosintesi avviene a partire da uno stimolo che provoca la depolarizzazione della membrana cellulare. Appena sintetizzati essi vengono immediatamente rilasciati dalla cellula e si legano ai recettori cannabinoidi presenti su cellule limitrofe o sulla stessa cellula che li ha prodotti, con azione quindi autocrina o paracrina. A volte si comportano da messaggeri retrogradi: vengono sintetizzati nella cellula postsinaptica, andando poi ad attivare i recettori CB1 degli assoni della cellula presinaptica.

Una volta compiuta la loro azione, gli endocannabinoidi vengono degradati o subiscono altri processi quali: la ricaptazione per diffusione passiva attraverso la membrana, l’idrolisi, il riciclo dei prodotti degradati.

 

ENDOCANNABINOIDI E METABOLISMO

Gli endocannabinoidi sono espressi in gran parte nel fegato, di cui regolano sia la fisiologia, sia i vari stadi fisiopatologici tipici di malattie metaboliche (già fatte risalire come eziopatogenesi a meccanismi centrali) che vanno dalla più generica sindrome metabolica a quadri più specifici di steatosi, NAFLD (l’epatopatia da fegato grasso non alcolico), la NASH (steatoepatite non alcolica), e i quadri di fibrosi-cirrosi tipici di fasi avanzate di danno epatico.

In particolare sono presenti in varie cellule con associazione a precisi quadri patologici [1]:

–         nell’epatocita troviamo

  • CB1 – associato alla CBP, cirrosi biliare primitiva, alla steatosi da dieta, all’epatite cronica, alla steatosi alcolica
  • CB2 – associato alla CBP, alla rigenerazione, alla steatosi e alla steatoepatite non alcoliche

–         nel colangiocita sono presenti

  • CB1 – associato alla cirrosi e all’ipertensione portale
  • CB2 – associato alla CBP, e alla NAFLD

 

Gli endocannabinoidi svolgono una serie di funzioni [2]:

–         esercitano una funzione anti-stress analoga a quella delle endorfine sia a livello centrale che periferico

–         vengono prodotti per proteggere l’organismo grazie ad un’azione anti ossidativa [3]

–         hanno un’attività analgesica [4] [5] [6] [7] [8]

–         esercitano un’azione vasodilatatoria ed ipotensiva, con un ruolo fisiopatologico ancora da approfondire [9] [10] [11]

–         hanno un ruolo nella modulazione della risposta immunitaria [12] [13] [14]

–         regolano i processi di proliferazione cellulare alla base della crescita dei tumori [15]

–         sono coinvolti nella patogenesi della steatosi [16]

–         sono coinvolti nella patogenesi dell’obesità [16]

–         determinano la progressione da fibrosi a cirrosi nel fegato [16]

–         hanno un ruolo nella sindrome da circolazione iperdinamica [16]

–         hanno correlazioni con la ritenzione di sodio e la formazione di ascite

–         sono up-regolati nell’epatocarcinoma

 

Più in particolare sono recettore-specifici altri effetti metabolici [2]:

CB1

–         insulino-resistenza

–         dislipidemia

–         contributo all’insorgenza di steatosi epatica da dieta ricca di grassi o da alcolismo cronico

–         promozione della NAFLD

–         progressione della fibrosi epatica, con azione sulle cellule stellate

–         condizione di vasodilatazione

–         patogenesi dell’ipertensione portale

–         patogenesi della cardiomiopatia cirrotica

bloccando CB1 (ad esempio con rimonabant) quindi si ottiene:

–         prevenzione della steatosi

–         rallentamento della progressione della fibrosi

–         remissione della cardiomiopatia cirrotica

–         riduzione dell’ipertensione portale

CB2

–         effetti antiinfiammatori

–         effetti antifibrogenetici

–         regolazione dell’infiammazione epatica durante l’ischemia-riperfusione nella NAFLD

 

Per quanto riguarda le loro alterazioni a livello sierico si sono riscontrati:

–         livelli elevati di OEA, PEA nel cirrotico [17]

–         espressione di anandamide e 2-AG nel danno epatico da ischemia-riperfusione [18]

 

Analizzando le variazioni in associazione alle patologie possiamo definire:

–         sindrome metabolica – CB1 è mediatore del senso di appetito, e si sono ipotizzati CB1 antagonisti nella terapia dell’obesità come il rimonabant [19]: la perdita di peso è dovuta sia alla riduzione dell’assunzione di cibo sia alla ridotta lipogenesi.

–         adiponectina – un blocco di CB1 determina un aumento di questa adipokina, con effetti positivi sia sul peso sia sulla sindrome metabolica [20]

–         insulino-resistenza – AM6545, CB1 antagonista, determina riduzione dell’insulino-resistenza e della leptino-resistenza [19]; inoltre CB1 bloccato determina captazione di glucosio grazie alla stimolazione insulinica, al contrario CB1 attivato provoca intolleranza glucidica

–         steatosi – topi CB1-/- deleti sono resistenti alla steatosi da alcol

–         danno da ischemia-riperfusione – CB1 bloccato determina riduzione del danno e riduzione dell’endotossiemia

–         CBP – si è vista un’iper-regolazione del sistema cannabinoide nella cirrosi biliare primitiva soprattutto espresso negli epatociti, nelle cellule dell’epitelio biliare, e nelle cellule di Kupffer; si è visto inoltre come i colangiociti proliferanti costituiscano il “compartimento neuroendocrino” del fegato, essendo in grado di secernere numerose sostanze tra cui gli endocannabinoidi; la somministrazione periferica di un agonista selettivo di CB1 (HU210) riduce il prurito indotto da istamina, attenuando l’eccitazione delle fibre nervose cutanee (con azione antinocicettiva correlata con gli oppioidi) [21]

–         NASH – si è vista un’iper-espressione del recettore CB2 a livello del citoplasma degli epatociti, dei colangiociti e delle cellule stellate [22]

–         fibrosi epatica – THC, il tetraidrocannabinolo, derivato della marijuana che lega i recettori CB1 e CB2, è antifibrotico ed epatoprotettore [23]

–         cirrosi – nella cirrosi c’è un aumento di CBs, soprattutto si è visto aumento di CB1 nelle fibre nervose perivascolari delle arterie di resistenza mesenteriche [24]; alterazioni emodinamiche associate a CB1, che determina ipotensione e shock endotossico; in particolare si è visto che in questa patologia c’è un aumento di CB1 nelle cellule endoteliali soprattutto nelle arterie mesenteriche. Inoltre CB1 aumentato a livello recettoriale è associato alla cardiomiopatia cirrotica. Al contrario CB2 sembra essere protettore sulla cirrosi a tal punto da far ipotizzare suoi agonisti nella terapia di questa patologia

–         ipertensione portale – inibizione di CB1 con SR141716A riduce il flusso ematico dell’arteria mesenterica e la pressione portale

–         encefalopatia epatica – CB2 agonisti (HU308) determinano miglioramento delle funzioni cognitive [1], dimostrandosi così positivi sull’encefalopatia epatica

 

ENDOCANNABINOIDI E SISTEMA NERVOSO CENTRALE

Gli endocannabinoidi sono neuromediatori coinvolti nei percorsi neurali deputati al controllo dell’appetito, alla percezione del dolore, alla regolazione della temperatura corporea. Sono stati trovati anche nel sistema extrapiramidale.

Il sistema endocannabinoide poi può essere definito come un complesso di neurotrasmissioni capaci di regolare l’eccitabilità neuronale.

La distribuzione dei CB1 è fondamentalmente cerebrale. Le regioni primarie, in cui si trovano i cannabinoidi, sono fondamentalmente: substantia nigra, globus pallidus, nucleo caudato, putamen.

Essi sono poi stati riscontrati anche nella diramazione del nervo vago (X) comprendente neuroni colinergici enterici e le cellule gangliari della sottomucosa intestinale.

La scoperta dei recettori endocannabinoidi nel cervello ha permesso di associarli al controllo del movimento, della percezione, alle alterazioni dei processi di apprendimento e memoria [25]; sembrano inoltre interagire con gli oppioidi per la modulazione del dolore [4] [5] [6] [7] [8]. Essi inoltre regolano stati emotivi quali piacere ed aggressività [26] [27].

Si sono poi trovate correlazioni con i circuiti che regolano il vomito [28].

Esistono inoltre coinvolgimenti degli endocannabinoidi nella modulazione della spasticità associata a sclerosi multipla [29], così come sono state evidenziate correlazioni con l’epilessia: gli endocannabinoidi agirebbero modulando l’attività convulsiva, con proprietà anticonvulsivanti [30].

Questa serie di considerazioni ci fa capire come il sistema nervoso centrale sia sempre di più considerato elemento chiave nella regolazione, nella prevenzione e nella cura soprattutto dei maggiori dismetabolismi, siano essi il diabete, la NAFLD, o la sindrome metabolica. Infatti è stato più volte dimostrato come le terapie agiscano anche a livello centrale, e come forme di terapie integrate garantiscano successi maggiori di trattamento, come ad esempio è il caso della psicoterapia cognitivo-comportamentale, capace di portare a riequilibri metabolici con notevoli risultati. [31].

Vista la funzione di CB1 nella regolazione della fame si è ipotizzato l’uso di suoi antagonisti contro l’obesità: si è visto infatti che rimonabant dà riduzione del peso, per quanto associato all’insorgenza di depressione ed ansia. Le potenzialità sarebbero maggiori per agonisti con effetti metabolici ma privi di effetti comportamentali [19].

 

PROSPETTIVE CONCLUSIVE

Antagonisti di CB1 come il rimonabant (per due settimane) hanno determinato, in modelli animali (ratti) di cirrosi, riduzione della formazione di ascite e riduzione della fibrosi epatica [32]; le stesse molecole sono inoltre coinvolte nella riduzione del danno epatico e sembrano favorire la riparazione tissutale [1].

Questo ci fa capire come sempre di più gli endocannabinoidi si rivelino un target essenziale nella terapia di patologie dismetaboliche come la NAFLD, e dei suoi stadi avanzati come la cirrosi, non solo per un’azione periferica di queste molecole ma anche per un riequilibrio centrale dei meccanismi alla base dei dismetabolismi.

Al contrario si possono ipotizzare agonisti CB2 nel trattamento della cirrosi epatica, magari non psicoattivi: questo grazie a scoperte che hanno dimostrato ridotta fibrosi e minore risposta al danno da parte dell’agonista CB2 JWH-133 [33].

Viste poi le correlazioni con il sistema nervoso centrale si stanno delineando sempre di più molecole in grado di avere effetti metabolici sia sul peso sull’obesità in generale sia sui dismetabolismi d’organo come la NAFLD, per quanto siano controverse le funzioni specificatamente centrali. È comunque certo che uno stile di vita adeguato e orientato al controllo metabolico (grazie a dieta ed attività fisica), magari con una rivisitazione più globale del modo di concepire il proprio metabolismo, rimane la base su cui agire con altre forme terapeutiche.

 

BIBLIOGRAFIA

  1. Tam JLiu JMukhopadhyay BCinar RGodlewski GKunos G. (2011) Endocannabinoids in liver disease. Hepatology. 2011 Jan;53(1):346-55. doi: 10.1002/hep.24077.
  2. Mallat A, Lotersztajn S (2007) Endocannabinoids and liver disease. Endocannabinoids and their receptors in the liver. American Journal of Physiology. Gastrointestinal and Liver Physiology. 29 october 2007.
  3. Marsicano G, Moosmann B, Hermann H, Lutz B, Behl C. (2002) Neuroprotective properties of cannabinoids against oxidative stress: role of the cannabinoid receptor CB1. J Neurochem. 2002 Feb;80(3):448-56
  4. Richardson JD, Aanonsen L, Hargreaves KM. (1998) Antihyperalgesic effects of spinal cannabinoids. Eur J Pharmacol. 1998 Mar 19;345(2):145-53.
  5. Meng ID, Manning BH, Martin WJ, Fields HL. (1998) An analgesia circuit activated by cannabinoids. Nature. 1998 Sep 24;395(6700):381-3.
  6. Calignano A, La Rana G, Giuffrida A, Piomelli D. (1998) Control of pain initiation by endogenous cannabinoids. Nature, (1998) 394:277-281.
  7. Welch SP, Eads M. (1999) Synergistic interactions of endogenous opioids and cannabinoid systems. Brain Res. 1999 Nov 27;848(1-2):183-90.
  8. Cravatt BF, Lichtman AH. (2004) The endogenous cannabinoid system and its role in nociceptive behavior. Neurobiol. 2004 Oct;61(1):149-60.
  9. Wagner JA, Varga K, Ellis EF, Rzigalinski BA, Martin BR, Kunos G. (1997) Activation of peripheral CB1 cannabinoid receptors in haemorrhagic shock. Nature, (1997) 390:518-521.

10. Varga K, Wagner JA, Bridgen DT, Kunos G. (1998) Platelet- and macrophage-derived endogenous cannabinoids are involved in endotoxin-induced hypotension. FASEB J, (1998) 12:1035-1044.

11. Randall MD, Kendall DA, O’Sullivan S. (2004) The complexities of the cardiovascular actions of cannabinoids. Br J Pharmacol. 2004 May;142(1):20-6.

12. Bisogno T, Maurelli S, Melck D, De Petrocellis L, Di Marzo V. (1997) Biosynthesis, uptake, and degradation of anandamide and palmitoylethanolamide in leukocytes. J Biol Chem, (1997) 272:3315-3323.

13. M. Salzet, C. Breton, T. Bisogno and V. Di Marzo (2000) “Comparative biology of the endocannabinoid system. Possible role in the immune response” ,Eur. J. Biochem.(2000), 267, 4917-4927

14. Croxford JL, Yamamura T. (2005) Cannabinoids and the immune system: potential for the treatment of inflammatory diseases? J Neuroimmunol. 2005 Sep;166(1-2):3-18.

15. Bifulco M, Di Marzo V. (2002) Targeting the endocannabinoid system in cancer therapy: a call for further research. Nat Med. 2002 Jun;8(6):547-50.

16. Caraceni PDomenicali MGiannone FBernardi M. (2009) The role of the endocannabinoid system in liver diseases. Best Pract Res Clin Endocrinol Metab. 2009 Feb;23(1):65-77.

17. Caraceni PViola APiscitelli FGiannone FBerzigotti ACescon MDomenicali MPetrosino SGiampalma ERiili AGrazi GGolfieri RZoli MBernardi MDi Marzo V. (2010) Circulating and hepatic endocannabinoids and endocannabinoid-related molecules in patients with cirrhosis. Liver Int. 2010 Jul;30(6):816-25. Epub 2009 Oct 14.

18. Bátkai SOsei-Hyiaman DPan HEl-Assal ORajesh MMukhopadhyay PHong FHarvey-White JJafri AHaskó GHuffman JWGao BKunos GPacher P. (2007) Cannabinoid-2 receptor mediates protection against hepatic ischemia/reperfusion injury. FASEB J. 2007 Jun;21(8):1788-800. Epub 2007 Feb 27.

19. Tam JVemuri VKLiu JBátkai SMukhopadhyay BGodlewski GOsei-Hyiaman DOhnuma SAmbudkar SVPickel JMakriyannis AKunos G. (2010) Peripheral CB1 cannabinoid receptor blockade improves cardiometabolic risk in mouse models of obesity. J Clin Invest. 2010 Aug 2;120(8):2953-66. doi: 10.1172/JCI42551. Epub 2010 Jul 26.

20. Després JPGolay ASjöström LRimonabant in Obesity-Lipids Study Group. (2005) Effects of rimonabant on metabolic risk factors in overweight patients with dyslipidemia. N Engl J Med. 2005 Nov 17;353(20):2121-34.

21. Dvorak MWatkinson AMcGlone FRukwied R. (2003) Histamine induced responses are attenuated by a cannabinoid receptor agonist in human skin. Inflamm Res. 2003 Jun;52(6):238-45.

22. Osei-Hyiaman DDePetrillo MPacher PLiu JRadaeva SBátkai SHarvey-White JMackie KOffertáler LWang LKunos G. (2005) Endocannabinoid activation at hepatic CB1 receptors stimulates fatty acid synthesis and contributes to diet-induced obesity. J Clin Invest. 2005 May;115(5):1298-305.

23. Lotersztajn STeixeira-Clerc FJulien BDeveaux VIchigotani YManin STran-Van-Nhieu JKarsak MZimmer AMallat A. (2007) CB2 receptors as new therapeutic targets for liver diseases. Br J Pharmacol. 2008 Jan;153(2):286-9. Epub 2007 Oct 22.

24. Domenicali MRos JFernández-Varo GCejudo-Martín PCrespo MMorales-Ruiz MBriones AMCampistol JMArroyo VVila ERodés JJiménez W. (2005) Increased anandamide induced relaxation in mesenteric arteries of cirrhotic rats: role of cannabinoid and vanilloid receptors. Gut. 2005 Apr;54(4):522-7.

25. Marsicano G, Wotjak CT, Azad SC, Bisogno T, Rammes G, Cascio MG, Hermann H, Tang J, Hofmann C, Zieglgansberger W, Di Marzo V, Lutz B. (2002) The endogenous cannabinoid system controls extinction of aversive memories. Nature. 2002 Aug 1;418(6897):530-4.

26. Ameri A (1999) The effects of cannabinoids on the brain. Prog Neurobiol. 1199;58:315-348.

27. Di Marzo V, Melck D, Bisogno T, De Petrocellis L (1998) Endocannabinois: endogenous cannabinoid receptor ligands with neuromodulatory action. Trends Neurosci 1998;21:521-528.

28. Dardani NA (2001) Delta(9)-tetrahydrocannabinol and synthetic cannabinoids prevend emesis produced by the cannabinoid CB1 receptor antagonist-inverse agonist SR141716A. neuropsychopharmacology 2001 Feb;24(2):198-203

29. Baker D (2000) Cannabinoids control spasticity and tremor in a multiple sclerosis model. Nature 2000;404:84-87

30. Wallace MJ, Martin BR, DeLorenzo RJ. (2002) Evidence for a physiological role of endocannabinoids in the modulation of seizure threshold and severity. Eur J Pharmacol. 2002 Oct 11;452(3):295-301.

31. Moscatiello S, Di Luzio R, Bugianesi E, Suppini A, Hickman IJ, Di Domizio S, Dalle Grave R, Marchesini G (2011) Cognitive-behavioral treatment of nonalcoholic Fatty liver disease: a propensity score-adjusted observational study.Obesity (Silver Spring). Apr;19(4):763-70. Epub 2010 Oct 21.

32. Domenicali MCaraceni PGiannone FPertosa AMPrincipe AZambruni ATrevisani FCroci TBernardi M. (2009) Cannabinoid type 1 receptor antagonism delays ascites formation in rats with cirrhosis. Gastroenterology. 2009 Jul;137(1):341-9. Epub 2009 Jan 14.

33. Muñoz-Luque JRos JFernández-Varo GTugues SMorales-Ruiz MAlvarez CEFriedman SLArroyo VJiménez W. (2008) Regression of fibrosis after chronic stimulation of cannabinoid CB2 receptor in cirrhotic rats. J Pharmacol Exp Ther. 2008 Feb;324(2):475-83. Epub 2007 Nov 20.

Share

Dora Dragoni

Medical Doctor
Writer as independent researcher
PhD fellow
L.Ac acupuncture fellow
Psychotherapy & counseling fellow
Fertility coach
Personal and Mental Trainer
Nutritionist
expert in: aesthetics, shen (TCM soul, mind)
ddfdreward123.blogspot.com
with Fatih Divrak

Lascia un commento