Il Cortisolo: ormone dell’eterno ritorno

Il risveglio mattutino, per qualcuno più per qualcun altro meno, rappresenta una vera e propria rottura dell’equilibrio. L’interruzione delle ore di sonno notturno è dettata in termini di tempo e qualità dal paradigma geni-ambiente, binomio imprescindibile. In che modo il cortisolo esplica la sua funzione, assicurandoci il “ritorno all’uguale”?

Origine, azione e paradosso

Appartenente alla classe dei glucocorticoidi, ormoni steroidei a 21 atomi di carbonio, il cortisolo è prodotto in sede surrenalica nella zona fascicolata della corticale della ghiandola surrenale. L’input per la sua sintesi deriva dal playmaker dell’orologio circadiano: l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene. In sede ipotalamica i nuclei Arcuato, Soprachiasmatico, Dorsomediale e Subparaventricolare orchestrano i ritmi nictemerali, mantenendo paralleli gli equilibri sonno-veglia e pasto-digiuno in base alla quantità di luce cui il soggetto è sottoposto, al life style individuale e al suo genotipo (emblematici i casi di giovani adolescenti con livelli di cortisolo sopra-soglia figlie di madri affette da depressione e/o ansia). Il caso, ovvero il nostro essere a monte una giustapposizione genetica, e la necessità, l’ambiente, dirigono lo stare al mondo.

La risposta CAR

La cosiddetta CAR, Cortisol Awakening Response, corrisponde al picco massimo di secrezione dell’ormone, atto a preparare l’organismo a fronteggiare lo stress quotidiano giornaliero. Il cortisolo garantisce il “ritorno all’uguale” perché in primo luogo è iperglicemizzante: stimola la gluconeogenesi epatica e down-regola l’uptake di glucosio. Sono da attribuire allo stesso ormone:
  • l’attività mineralcorticoide simil aldosteronica dovuta al meccanismo di mimesi molecolare
  • il ruolo immusoppressivo
  • la capacità di inibire la sintesi delle citochine pro-flogistiche
Insufficiente o eccessiva sintesi dell’ormone provocano l’estremizzazione di questi eventi biochimici che si manifestano palesemente nei casi di ipo/iper-corticosurrenalismo, rispettivamente il morbo di Addison e la sindrome di Cushing. Nel momento in cui la vita si manifesta a se stessa, in preparazione, assistenza e accompagnamento al parto (più importanti sono le manifestazioni durante il naturale piuttosto che nel caso di cesareo), il cortisolo ha paradossalmente effetto pro-infiammatorio inducendo la sintesi di prostaglandine che alimentano il travaglio del parto. La stessa sostanza che contribuisce a svelarci la vita extra uterina alla nascita, ogni mattina ci riporta al presente.

Bibliografia

  1. Phosphorylation of STAT3 mediates the induction of cyclooxygenase-2 by cortisol in the human amnion at parturition. Oct 27;8(400):ra106. doi: 10.1126/scisignal.aac6151.
  2. Etiologic specificity of waking Cortisol: Links with maternal history of depression and anxiety in adolescent girls. 2017 Jan 15;208:103-109. doi: 10.1016/j.jad.2016.08.079. Epub 2016 Oct 11.
  3. NELSON, COX, I PRINCIPI DI BIOCHIMICA DI LEHNINGER ed 5.
  4. Schubert, K., K. Wehrberger, and G. Hobe. “Androsta-3,5-diene-7,17-dione: Isolation from Urine and Formation from 7-keto-dehydro-epiandrosterone Sulphate under Various Conditions of Hydrolysis.” Endocrinol Exp. 5.4 (1971): 205-10.
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le nostre novità direttamente nella tua casella di posta elettronica.

Ah... gratis!

Fantastico! Ti sei appena iscritto

Pin It on Pinterest