fbpx

Scarica in PDF Prefazione. I meccanismi cerebrali hanno profonde implicazioni col misterioso potenziale del mondo atomico e sub-atomico i cui approcci metodologici e speculativi sono stati molteplici, ma ancora senza convincenti certezze. Consideriamo il processo nervoso della sensazione che nell’organismo umano è avviato da stimoli fisici come le onde sonore, o da onde luminose (fotoni) per il meccanismo della visione, o da stimoli termici, o di altra natura come quelli che dipendono dalla gravità generale e dal peso corporeo (sensibilità propriocettiva), o da molecole chimiche odorifere, o da quelle legate al gusto. Gli stimoli sensoriali sono trasdotti in input elettrici e veicolati a specifiche aree cerebrali. Gl’input nervosi in quanto di natura elettrica dovrebbero trovarsi all’interno di specifici campi elettrici, generati dalla differenza del potenziale di membrana neuronale. Particelle sub-atomiche coi correlati campi elettrici e campi elettro-magnetici sembrano essere stati inficiati dalle nuove vedute della fisica teorica. Meinard Kuhlmann e coll. (2013), hanno fondati dubbi sulla classica struttura del mondo atomico e sub-atomico, ribaltando in modo indiretto, anche i processi nervosi delle sensazioni corporee che si fondano sui comuni fenomeni elettrici e biochimici. Le recenti scoperte della fisica teorica trovano che la realtà nella sua essenza non consista di corpuscoli materiali, ma di connessioni referenziali e di proprietà fisiche. Queste vedute arrivano a contraddire i parametri fondanti delle neuroscienze, modificano le vere origini delle sensazioni, rendono problematica la reale natura della percezione ed i confini della Mente umana.

 

 

foto: http://api.ning.com/ files/2eo5hMCWiwMrTGk0spLV1LGs8PS7TY7xBXf0MNwWtORFPyV9jg3noIHuBz5kfrgGX7zjpMuAhe pA5StlFoXr3iUpLdHS-DNP/BRAINF.jpg