Per seguir virtute e canoscenza

Neuroscienze.net

Una introduzione alla riflessione bioetica

Se è innegabile che negli ultimi decenni la Scienza e le biotecnologie abbiano compiuto enormi progressi, è altrettanto vero come tutto ciò abbia sollevato una serie di inquietanti interrogativi etici. Ci troviamo infatti davanti ad una fase inedita della storia umana e scientifica, nella quale il potere consegnato dalle biotecnologie agli uomini rischia di scappar loro di mano, trasformando questi ultimi da “soggetti” a “oggetti” di manipolazione e di sperimentazione incontrollata. Di fronte a questo scenario, molti si sono chiesti se tutto ciò che era possibile fare fosse anche moralmente lecito. E dal momento che l’etica tradizionale si è trovata impreparata alla risposta, per mancanza di adeguate conoscenze scientifiche, è sorta e si è sviluppata la Bioetica. Ma la domanda di ieri è anche quella di oggi, quella di coloro che cercano nella riflessione bioetica una risposta eticamente fondata agli interrogativi di sempre: “Cosa è giusto fare”? “In quale modo è lecito agire”? Questa è la sfida che la Bioetica ha davanti a sé: riuscire ad offrire – in una sintesi razionalmente convincente di tutte quelle discipline scientifiche che concorrono a definire la sua intrinseca e strutturale interdisciplinarietà (medicina, biologia, psicologia, diritto, filosofia, teologia, etica, antropologia, sociologia, etc.) – risposte non formali né semplicistiche a problematiche effettivamente complesse, quali quelle che oggi si pongono nell’ambito delle Scienze della vita. A questo proposito, la Bioetica corre oggi almeno due rischi. Il primo è quella di esser ritenuta materia che riguardi per lo più filosofi, moralisti, sociologi, giuristi, etc. e non tanto coloro che si occupano di Scienza. Certo, noi possiamo scegliere di non interessarci affatto di Bioetica: ma stiamo pur certi che la Bioetica – prima o poi – si interesserà di noi, bussando alla nostra porta con qualche domanda inquietante, che metterà a dura prova la nostra capacità di comprendere il senso stesso della vita. Il secondo è che la sua indubbia complessità possa indurre qualcuno a ritenere che nessuna verità sia raggiungibile. Eppure ciascuno di noi è in grado di pensare e di capire, di conoscere e di scegliere, e quindi anche in grado di formarsi delle convinzioni etiche. Senza alcuna pretesa di esaustività e completezza, questa rubrica può dunque costituire una prima occasione affinché – attraverso una riflessione sulla rilevanza etica della ricerca e della prassi neuroscientifica – si torni ad interrogarsi sull’uomo e sul suo futuro, confidando nella principale caratteristica che qualifica la natura umana (la nostra “semenza”): il desiderio di avvicinarsi sempre più alla verità delle cose, attraverso l’uso della ragione. Seguendo appunto, “virtute e canoscenza” (Dante, Inferno XXVI, 118-120).

 

 

 Bibliografia

  • Associazione Medica Mondiale: Dichiarazione di Helsinki. Principi etici per la ricerca medica che coinvolga soggetti umani. Giugno 1964 (http://www.portaledibioetica.it/documenti/00198/00198.htm)
  • Comitato nazionale per la bioetica. Scopi, rischi e limiti della medicina. 14 Dicembre 2001 (http://www.palazzochigi.it/bioetica/testi/141201.htm)
  • Comitato nazionale per la bioetica. Considerazioni etiche e giuridiche sull’impiego delle biotecnologie. 30 Novembre 2001 (http://www.palazzochigi.it/bioetica/testi/301101.htm)

Scarica il PDF 

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le nostre novità direttamente nella tua casella di posta elettronica.

Ah... gratis!

Fantastico! Ti sei appena iscritto

Pin It on Pinterest

Share This